Siete qui :   Home » Blog » Tutte i post
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

Blog - Tutte i post

Pourquoi les gens ne s'indignent-ils pas de la suppression par la France de la culture allemande en Alsace-Lorraine, mais s'indignent lorsqu'il s'agit du Tibet en Chine ?

Pubblicato il 22/07/2021 10:05  - nessun commento - |     |
La guida e il Pubblico Ministero  -  con Capleymar

Pubblicato il 28/02/2021 03:10  - nessun commento - |     |

Pubblicato il 27/02/2021 19:49  - nessun commento - |     |
Omaggi a Chick corea  -  con Capleymar

Omaggi a Chick Corea nell'ambiente musicale

Remembering Chick Corea

Publiée par Herbie Hancock sur Mardi 16 février 2021

Heartbroken doesn’t even touch the tip of the iceberg of how this one feels…RIP to my dear brother-in-arms Chick...

Publiée par Quincy Jones sur Jeudi 11 février 2021

The great Chick Corea has left this life but the incredible music he gave us and the meaningful memories will live on in...

Publiée par Al Di Meola sur Jeudi 11 février 2021

Man, we lost Chick. Chick Corea represented to me, the highest level of musical creativity, honesty, curiosity, and...

Publiée par Marcus Miller sur Jeudi 11 février 2021

Prince was influenced by the work of Chick Corea from an early age, beginning with Chick's work in the jazz-funk group...

Publiée par Prince sur Vendredi 12 février 2021

Chick Corea (1941-2021) Pianist Armando Anthony “Chick” Corea, one of the great improvising musicians of our time, a...

Publiée par ECM Records sur Vendredi 12 février 2021

''Chick my friend, you have shaped my life like no one has, or ever will. I will always love you dearly.''❤️ Avishai Chick Corea Razdaz Recordz Loop Prod

Publiée par Avishai Cohen sur Vendredi 12 février 2021

RIP maestro ????

Publiée par Igor Gehenot sur Jeudi 11 février 2021

Comforting words of wisdom I will always turn to in times of creative uncertainty. Chick Corea was a giant, an icon, and...

Publiée par Connie Han sur Vendredi 12 février 2021

RIP Chick....!!!!!!!

Publiée par Patrick Deltenre sur Jeudi 11 février 2021

It was always a pleasure and deep musical journey playing alongside Chick. His technical brilliance, musical creativity,...

Publiée par Terence Blanchard sur Vendredi 12 février 2021

Bye bye Chick Corea...

Publiée par Alain Pierre sur Vendredi 12 février 2021

Rest in peace, Chick Corea ܔ “The concept of communication with an audience became a big thing for me at the time....

Publiée par Taj Mahal sur Vendredi 12 février 2021

God bless Chick Corea, one of the most innovative and inspired musicians I ever had the privilege to work with. His...

Publiée par Yusuf / Cat Stevens sur Jeudi 11 février 2021

RIP

Publiée par Weather Report sur Jeudi 11 février 2021

2 images

© Tous droits réservés 

Publiée par Wayne Shorter sur Jeudi 11 février 2021

J'ai retrouvé une photo ! Lors d'un festival en Irlande avec Philip Catherine, Chick Corea était là avec son groupe Spanich J'en profitais pour faire une photo avec mon Héros ! J'étais tellement fier !!!

Publiée par Mimi Verderame sur Jeudi 11 février 2021

Today we were so shocked and devastated by the loss of @chickcorea. There aren’t enough words to express my love,...

Publiée par John Patitucci sur Jeudi 11 février 2021

Return to Forever Maestro Chick Corea ???? Thank you....

Publiée par Nathan East sur Jeudi 11 février 2021

Wow! A Master Musician & Musical Visionary has changed frequencies & is no longer with us on this planet. Mr. Chick...

Publiée par William "Bootsy" Collins sur Jeudi 11 février 2021

Saying Goodbye to another hero...

Publiée par Julian Lennon sur Jeudi 11 février 2021

Pubblicato il 16/02/2021 12:29  - nessun commento - |     |

IL TURISMO ALPINO AI TEMPI DEL VIRUS (Intervista CIPRA)

La crisi che stiamo vivendo mette finalmente in evidenza le ricorrenti domande che la frequentazione turistica solleva in generale e in particolare nei territori alpini.

Vars_arret.jpg

Infatti, il problema fondamentale sta nell'equilibrio tra l'uso intensivo delle grandi stazioni di sport invernali, che mette in pericolo l'equilibrio ecologico, e un numero insufficiente di visitatori per far vivere alcune zone alpine.

Il geografo Werner Bätzing studia da tempo questo fenomeno in due comuni collocati ai due estremi della catena, Sambuco in Piemonte (Italia) e Bad Gastein nel Land di Salisburgo (Austria).

La crisi di Covid-19 ha portato alla chiusura prematura delle stazioni di sport invernali, come pensare allora il futuro turistico, una delle principali fonti di reddito dell'arco alpino ?

La domanda è stata posta a Stefanie Pfahl, capo del Dipartimento del turismo e dello sport della BMU, il Ministero federale tedesco per l'ambiente, la conservazione della natura e la sicurezza nucleare.

Il secondo esperto intervistato è Christian Baumgartner. Insegna e fa ricerca sul turismo sostenibile all'Università dei Grigioni/CH ed è vicepresidente della CIPRA International.

L'intervista è stata condotta dai rappresentanti della CIPRA Michael Gams e Paul Froning.

La promiscuità nelle grandi località come le aree urbanizzate è un terreno fertile per questa malattia. È uno degli eccessi del turismo intensivo moderno, pensa Christian Baumgartner.

I media tedeschi hanno descritto alcune località alpine, frequentate dalla maggior parte dei turisti tedeschi, come veri e propri "nidi" a Coronavirus. Stéfanie Pfal ritiene che si tratti di un fenomeno talmente nuovo che ci si può chiedere se le norme di sicurezza sanitaria siano state rispettate. Inoltre, ciò che è accaduto in Tirolo non è stato completamente chiarito, ma è davvero utile? Le autorità hanno aspettato fino all'ultimo minuto per chiudere le stazioni, ignorando gli evidenti sintomi della malattia dei loro dipendenti. Gli interessi economici hanno chiaramente prevalso sugli interessi sanitari.

Le stazioni di sport invernali del Tirolo pensavano di riaprire a metà maggio, ma il pubblico si è già reso conto che probabilmente ci vorrà più tempo per spostarsi di nuovo e che forze  potrebbe non essere in grado di tornare a fare quello che si divertiva a fare prima dell'arrivo del virus.

In ogni caso, dovremo garantire il rispetto dell'ambiente.
Pertanto, le questioni che dovevano essere sollevate alla conferenza BMU (Bundesministerium für Umvelt) sulla sostenibilità del turismo all'aria aperta, originariamente prevista per maggio e rinviata all'autunno o all'anno prossimo, terranno conto degli effetti della pandemia.

I nostri due relatori concordano sul fatto che il turismo all'aria aperta, anche dopo la crisi della Covid-19, dovrà soddisfare due requisiti :

  1. - Le attività sportive all'aperto dovranno essere gestite adeguatamente per limitare il loro impatto sull'ambiente...
  2. - Inoltre, si tratta ovviamente di un pilastro economico vitale che non può essere trascurato e quindi la questione della crisi economica generata dal Coronavirus dovrà essere presa in considerazione.


Come si può allora concepire il turismo outdoor come un pilastro economico e allo stesso tempo limitare l'uso delle risorse naturali e ambientali ?

Christian Baumgartner si riferisce agli anni di crisi dal 2009/2010/2011, durante il quale i territori impegnati nel "turismo dolce" sono stati meno colpiti dalla crisi rispetto ai grandi centri turistici.
I clienti erano più fedeli e tornavano più spesso durante le vacanze.
In generale, la diversificazione delle attività economiche può essere una soluzione, in quanto una concentrazione dell'economia regionale superiore alla media in un unico settore, in questo caso il turismo, ha un impatto considerevole in una situazione di crisi. Il turismo deve essere parte dello sviluppo regionale, con linee guida ben definite.
Attualmente, a causa della crisi, molte imprese non sopravviveranno, soprattutto le più piccole. Il turismo internazionale dei tour operator subirà un forte calo. Tuttavia, con gli aiuti di Stato, il turismo nazionale e transfrontaliero può fare un ritorno. L'aspetto culturale dovrà essere sviluppato, in modo che la regione possa vivere tutto l'anno e allo stesso tempo valorizzare e preservare il suo patrimonio.
In ogni caso, dovrà essere adottato un approccio regionale globale, che non puo` prescindere dai vari parametri come "il consumo di energia elettrica, la mobilità turistica e altri settori rilevanti come l'agricoltura e la biodiversità". "L'obiettivo deve essere quello di focalizzare la politica di sostegno su interventi in rete, sostenibili e di lungo periodo a favore di un turismo invernale o quadristagionale sostenibile e di mantenere il valore aggiunto del territorio".

Questa crisi sanitaria potrebbe essere un'opportunità per procedere verso un riequilibrio geografico ed economico delle attività nell'arco alpino, permettendo alle diverse regioni di svilupparsi armoniosamente.

Alpentourismus in der Coronakrise (podcast)

Coronavirus : le tourisme alpin frappé de plein fouet

Pubblicato il 15/04/2020 15:00  - nessun commento - |     |